19 luglio 2024
Aggiornato 23:00
il consigliere regionale di fi ha ottenuto risposta

Entro l'anno al via i lavori per il torrente Pontone

Dall'assessore Refrigeri sono giunte importanti rassicurazioni

ROMA - L'assessore Fabio Refrigeri ha accolto la richiesta dei due consiglieri regionali, Enrico Forte e Pino Simeone, in merito all'urgenza di iniziare i lavori per la messa in sicurezza del Torrente Pontone.

Simeone (Fi): La Regione ha stanziato 200/300mila euro
«A margine del consiglio regionale ho avuto modo di parlare di nuovo con l'assessore Fabio Refrigeri della grave emergenza del Torrente Pontone. L'assessore mi ha assicurato che, a tutela dei cittadini, entro la fine di quest'anno la Regione Lazio provvederà ad effettuare gli interventi di somma urgenza per la messa sicurezza del Torrente Pontone per un importo di circa 200/300mila euro e che presto organizzerà un incontro con tutti i soggetti interessati per arrivare, nel più breve tempo possibile a  finanziare la progettazione esecutiva occorrente per la cantierabilità dell'opera». A renderlo noto il consigliere regionale del Lazio per Forza Italia, Giuseppe Simeone. «Non posso che ringraziare l'assessore per aver compreso, dopo la risposta in aula all'interrogazione presentata sull'emergenza del Torrente Pontone, l'importanza di intervenire nell'immediato per garantire la sicurezza dei cittadini. Mi auguro che queste parole trovino conferma nei fatti» ha aggiunto.

In attesa dell'inizio dei lavori
I consiglieri regionali Enrico Forte e Pino Simeone avevano presentato nei giorni scorsi una interrogazione urgente a risposta immediata, indirizzata al presidente Zingaretti e all’assessore Refrigeri. Nel documento i due politici pontini chiedevano di conoscere «quali sono le ragioni per cui la Regione Lazio non ha mantenuto fede agli impegni assunti, durante la riunione del 30 gennaio 2015, con i sindaci di Gaeta e di Itri, i tecnici e i due rappresentanti del Comitato Pontone, finalizzati al reperimento delle risorse necessarie ai lavori straordinari ed urgenti e alla messa in opera del progetto definitivo per la messa in sicurezza del Torrente Pontone». La Regione Lazio – spiegavano il 6 ottobre scorso Simeone e Forte – in questi anni ha sistematicamente ignorato le numerose segnalazioni, da parte di cittadini ed istituzioni, riguardanti l’altissimo rischio di nuove esondazioni del Torrente Pontone e la conseguente richiesta di interventi immediati di messa in sicurezza. L’assenza prolungata di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del Torrente Pontone continuano a mettere a rischio, a causa delle ripetute esondazioni, la sicurezza e l’incolumità dei cittadini creando disagi e danni alle imprese che ricadono nel territorio interessato. Per questo, vanno oggi all'assessore Fabio Refrigeri i ringraziamenti dei due consiglieri regionali. Speriamo che i lavori inizino il prima possibile. (Fonte Askanews)