24 maggio 2022
Aggiornato 00:30
Politica

Demaria lascia il ruolo di consigliere

Ha presentato le dimissioni il capogruppo di Vercelli Amica. A scatenare la decisione la sua esclusione dalla sottoscrizione della mozione di fiducia rivolta al sindaco Maura Forte

VERCELLI - Il capogruppo di Vercelli Amica Enrico Demaria si è dimesso dal Consiglio comunale, lo ha annunciato durante una conferenza stampa. A motivare la sua decisione il mancato coinvolgimento nella decisione della minoranza di firmare una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Maura Forte: «La mia era la sola firma che mancava sotto un documento così importante - commenta Demaria - e non voglio passare come un sostenitore di questa giunta». A Demaria dovrebbe subentrare Renato Pizzimenti (primo degli esclusi) o in alternativa Gianfranco Sacchi.

L'esclusione dalla mozione di sfiducia
E' appunto la mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Maura Forte, proposta da Alessandro Stecco (Lega Nord), che ha fatto si che Demaria presentasse le dimissioni da consigliere comunale . «Ho naturalmente avvisato il collega Maurizio Randazzo - dichiara il diretto interessato - ho chiamato Alberto Cortopassi, che mi ha coinvolto in questa bella avventura e anche Maura Forte».

L'atto più importante a disposizione delle minoranza
La mozione di sfiducia rappresenta l’atto più importante a disposizione della minoranza. E, nel caso specifico, quella rivolta a Maura Forte è stata depositata con 14 firme senza prendere in considerazione, appunto, quella di Enrico Demaria.