20 aprile 2021
Aggiornato 19:30
Grandi manovre in Vaticano

Fase II della riforma: cambiano presidente e vertici dello Ior

Il Card. George Pell, prefetto per l'Economia, ringrazia Von Freyberg e il suo Consiglio per le loro attività volte al miglioramento dei servizi finanziari dello Ior. Domani si terranno le nuove nomine, che riguarderanno il presidente e tutti i vertici.

CITTA' DEL VATICANO - "A seguito della conferma della missione dello IOR espressa dal Santo Padre il 7 aprile 2014 e sotto la guida della Segreteria per l'Economia e del suo Consiglio, è stato sviluppato un piano che traccia il futuro dell'Istituto. La Segreteria per l'Economia e la Commissione Cardinalizia di Vigilanza dello IOR hanno stabilito congiuntamente e all'unanimità che il piano in questione dovrà essere attuato da un Consiglio e uno staff dirigenziale di nuova nomina sotto una governance rinnovata". Lo si legge in un comunicato diffuso in mattinata dall'Istituto per le Opere di Religione.

"Desidero ringraziare Ernst von Freyberg e l'intero Consiglio, Ronaldo Schmitz, Carl Anderson, Antonio Maria Marrocco, Manuel Soto Serrano nonché il Direttore Generale Rolando Marranci e il suo staff per la grande dedizione rivolta all'obiettivo di fornire servizi finanziari sicuri e professionali alla Chiesa e di realizzare i miglioramenti necessari alla prosecuzione di tale servizio», ha dichiarato il Card. George Pell, Prefetto per l'Economia. "Con la conclusione della Fase I del processo di riforma, siamo ora in grado di avviare l'Institito verso la seconda fase di riforme sotto una nuova direzione".

"Questo è un periodo di grandi mutamenti per la Santa Sede, non solo per lo IOR. Dopo il duro lavoro effettuato dal management sinora in carica, siamo ora in grado di garantire la continuità": prosegue il cardinale. Il prossimo mercoledì 9 luglio 2014, nella Sala Stampa Vaticana, si terrà la presentazione del nuovo Consiglio dello IOR, e saranno forniti aggiornamenti sugli elementi chiave della Fase II della riforma operata nell'Istituto.