18 maggio 2024
Aggiornato 15:30
Cronaca

Roma: lo scippatore morto nella metro ha avuto un malore

Arrivati i risultati dell'autopsia sul moldavo di 55 anni con precedenti per furto deceduto nella serata di venerdì alla fermata della linea A a piazza Vittorio. Secondo quanto si è appreso il pm Barbara Sargenti sta valutando in queste ore anche le testimonianze delle diverse persone presenti.

ROMA - E' deceduto a causa di un malore il moldavo di 55 anni con precedenti per furto morto nella serata di venerdì alla fermata metro della linea A a piazza Vittorio. Il risultato dell'autopsia è chiaro e ora all'attenzione degli inquirenti della Procura di Roma che stanno cercando di ricostruire quanto avvenuto.

SENTITI I TESTIMONI - Secondo quanto si è appreso il pm Barbara Sargenti sta valutando in queste ore anche le testimonianze delle diverse persone presenti. Le parole della coppia di turisti tedeschi che erano stati oggetto di un tentativo di borseggio da parte di un altro soggetto indicherebbero che il moldavo dopo pochi minuti da quel momento avrebbe aperto le braccia, rallentato il passo e poi si è accasciato a terra. Dai racconti degli altri testimoni, il borseggiato e altri suoi familiari, tutti hanno riferito come il tentativo di borseggio sarebbe stato compiuto da uno straniero vestito con una maglietta scura. Sorpreso sarebbe scappato lasciando a terra il portafogli rubato. Durante la fuga avrebbe incontrato il moldavo, che aveva una camicia bianca, il quale gli avrebbe detto qualcosa e poi sferrato un calcio.