23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Agricoltura

Dal Lazio 33 milioni per rilanciare le aziende agricole

La Regione ha attivato tre nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale per la realizzazione di interventi di ammodernamento delle imprese (10 milioni), per l'insediamento di giovani agricoltori (10 milioni) e per lo sviluppo delle attività turistiche nelle aree rurali (13 milioni)

ROMA - La Regione Lazio ha attivato tre nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale finanziandoli con 33 milioni di euro di contributo pubblico per la realizzazione di interventi di ammodernamento delle aziende agricole (10 milioni), per l'insediamento di giovani agricoltori (10 milioni) e per lo sviluppo delle attività turistiche nelle aree rurali (13 milioni). Lo comunica in una nota l'assessore all'Agricoltura della Regione Lazio, Sonia Ricci. «Con la delibera approvata dalla Giunta Zingaretti - spiega l'assessore Ricci - sosteniamo gli interventi per l'acquisto di nuove macchine e di attrezzature agricole (misura 121), per il primo insediamento agricolo con un premio pari a 40.000 euro, il massimo oggi consentito dalla regolamentazione comunitaria (misura 121), e per la realizzazione di servizi e di infrastrutture innovative a favore del turismo nelle aree rurali (misura 313). Obiettivo di tutte le misure vogliono essere i giovani, aiutandoli nella gestione delle imprese e stimolando la diffusione delle innovazioni e delle attività multifunzionali dell'agricoltura. Con l'apertura di questi nuovi bandi, infine - conclude l'assessore Ricci - la nostra Amministrazione garantisce il regolare avanzamento del PSR 2007/2013 e il pieno utilizzo delle risorse comunitarie ancora disponibili». Le domande di accesso agli aiuti dovranno essere presentate entro 60 giorni dalla pubblicazione della delibera di Giunta sul Bollettino Ufficiale della Regione.