18 giugno 2024
Aggiornato 00:30
Sanità

Zingaretti: «Prorogati 125 contratti per servizi salute mentale»

Finanziamento previsto di oltre 6 milioni di euro. Si tratta di 125 figure professionali tra medici psichiatri, psicologi, tecnici per la riabilitazione psichiatrica, assistenti sociali, infermieri ed educatori professionali

ROMA - La giunta regionale del Lazio ha stanziato 6 milioni e 343 mila euro per la proroga di dodici mesi di 125 operatori che lavorano nei servizi di salute mentale nelle Asl di Roma e del Lazio. Nello specifico sono stati confermati i contratti nelle Asl Roma A, Roma B, Roma C, Roma D, Roma E, Roma F, Roma G, Roma H, nella Asl di Frosinone, di Latina, Rieti, Viterbo, all'ospedale Sant'Andrea e al Policlinico Umberto I. Si tratta di 125 figure professionali tra medici psichiatri, psicologi, tecnici per la riabilitazione psichiatrica, assistenti sociali, infermieri ed educatori professionali.

SETTORE DELICATO - «La determina conferma - spiega in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - la nostra attenzione nei confronti di un settore delicato come quello dei servizi di salute mentale. Sono professionisti che operano con grande passione e competenza all'interno delle Asl, degli ospedali e nelle case circondariali, luoghi dove il supporto psicologico è fondamentale al fine di una totale reinserimento nel tessuto sociale del paziente. Queste risorse economiche sono un segnale positivo contro la precarietà nel mondo del lavoro e in modo particolare della sanità. Con lo sblocco del turnover, che ci ha concesso una deroga per l'assunzione di 55 nuovi operatori sanitari nel Lazio a favore dei Pronto Soccorso, questo è un altro passo che muoviamo nella giusta direzione, cioè quella di restituire un volto diverso alla sanità del Lazio e nel contempo offrire continuità nei servizi resi alla comunità».