5 dicembre 2019
Aggiornato 15:00
Immigrati

Cota: «Non tutti i clandestini possono essere rifugiati»

Lo dice il Governatore del Piemonte a Repubblica: «E chi non lo è va respinto»

ROMA - Non tutti i clandestini sbarcati nelle ultime ore possono essere considerati rifugiati, e vanno respinti. Lo dice il Governatore del Piemonte, Roberto Cota, a Repubblica.
«Non possiamo certo spacciare per rifugiati politici tutti quelli che arrivano, bisogna vedere caso per caso; chi non lo è, chi magari è appena uscito di galera, va respinto», dice Cota. La strada preventiva resta quella «di nuovi accordi con i paesi del Maghreb per bloccare sul nascere gli sbarchi», perché «il modello Libia ha funzionato, adesso si tratta di trovare interlocutori anche in Tunisia. Ma già allora il ministro dell'Interno aveva giustamente denunciato la condotta dell'Unione europea: a Bruxelles non facevano niente e continuano a non farlo. Noi, fermando gli sbarchi, abbiamo aiutato anche i nostri partner europei. E' ora che ci diano una mano loro, dal momento che siamo quelli che si sono spesi più di tutti per fermare l'invasione».