4 ottobre 2023
Aggiornato 05:00
Processo di appello

Nuove Br, un'assoluzione e sei riduzioni di pena

Gli amici degli imputati gridano slogan dal pubblico

MILANO - La Corte d'assise d'appello di Milano ha assolto l'imputato Federico Salotto perché il fatto non sussiste e ha ridotto di pochi mesi quelle che erano state in primo grado le condanne più alte al processo ai presunti aderenti alle Nuove Br, versione «Partito comunista politico-militare». Subito dopo la lettura della sentenza amici e parenti degli imputati hanno gridato dal pubblico: «Rivoluzione proletaria - Viva il comunismo». Con la sentenza d'appello la pena più alta tocca a Davide Bortolaso e Claudio Latino, entrambi 14 anni e sette mesi invece di 15 anni. Condanne ridotte di pochi mesi anche per Vincenzo Sisi, per Bruno Ghilardi, per Massimiliano Toschi e per Massimiliano Gaeta.