17 ottobre 2019
Aggiornato 23:30
Cronaca. Lombardia

Arrestati 7 del commando che rapinò portavalori su A4

Sgominata la banda che aveva colpito a Seriate nel 2008

BERGAMO - Dopo lunghe indagini condotte tra Bergamo e Foggia la polizia di Bergamo ha arrestato sette persone che parteciparono alla violenta rapina ad un furgone portavalori sull'autostrada Milano Venezia nel giugno del 2008 e che fruttò un bottino di 1,8 milioni di euro.

A guidare l'azione investigativa è stata la Polizia di Stato spiegando che l'operazione ha colpito una banda specializzata in rapine a furgoni portavalori. Si tratta dei responsabili di un colpo avvenuto nel giugno 2008 sull'autostrada A4 Milano/Venezia nel comune di Seriate, nel Bergamasco: allora un vero e proprio «commando di fuoco» composto da circa 10-12 malviventi armati di Kalashnikov, aveva assaltato il furgone portavalori dell'Istituto di Vigilanza Privata «G4BRESCIA» e, usando delle mototroncatrici per il taglio del portellone blindato, aveva rapinato valori e soldi per un ammontare di circa 1.800.000 euro.

I reati contestati sono rapina continuata aggravata, tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da guerra e armi clandestine, danneggiamento seguito da incendio, violenza privata e ricettazione. Sono state eseguite anche tre perquisizioni domiciliari.

Le indagini, svolte dagli agenti della squadra mobile di Bergamo e Foggia, coordinati dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Anticrimine Centrale, hanno permesso di individuare il commando responsabile costituito da malviventi di origine pugliese, alcuni dei quali residenti in Lombardia, specializzati nella tecnica di assalto a furgoni portavalori e i complici che fornivano al gruppo l'appoggio logistico sul posto.