25 febbraio 2020
Aggiornato 14:00
Caso escort-Berlusconi

Ghedini: «Registrazioni inverosimili, sono invenzioni»

«Pubblicazione è già illecito, azioni legali a chi la riprende»

ROMA - L'avvocato Niccolò Ghedini, legale di Silvio Berlusconi, sostiene che gli audio pubblicati dall'Espresso relativi a conversazioni del Premier con la escort Patrizia D'Addario sono materiale «frutto d'invenzione» e annuncia che la «pubblicazione integra» rappresenta un «illecito che dovrà essere perseguito».

«Come risulta dagli atti - afferma Ghedini in una nota, dopo un incontro ad Arcore con Berlusconi - la D`Addario ha consegnato delle registrazioni asseritamente eseguite, alla Procura della Repubblica di Bari, e che sono tuttora in possesso di tale Procura, sottoposte a regime del segreto di indagine e del divieto assoluto di pubblicazione. La veridicità e la liceità delle asserite registrazioni erano già state contestate. Alla luce della lettura di quelle pubblicate sul sito di Repubblica, e l`autorità giudiziaria competente si auspica verifichi come i giornalisti ne siano entrati in possesso, non si può che ritenere trattarsi di materiale senza alcun pregio, del tutto inverosimile e frutto di invenzione».

«Comunque la pubblicazione integra - conclude l'avvocato di Berlusconi - è di per sé un illecito che dovrà essere perseguito, e nei confronti di chiunque ritenesse di riprendere tale materiale saranno esperite tutte le azioni legali del caso».