13 giugno 2024
Aggiornato 09:00

A Ragusa giovane stritolato da una trebbiatrice

Lavorava da solo, la scoperta è stata fatta dal padre

RAGUSA - Muore tra gli ingranaggi della mietitrebbia che stava utilizzando nei campi di Ragusa, in contrada Pizzillo, tra il capoluogo e la marina di Ragusa. L'incidente sul lavoro ha visto coinvolto un giovane 25enne del luogo, F.C., titolare in società assieme allo zio e a suo padre di un'azienda agricola.

Il giovane stava lavorando da solo un campo di fieno con il suo mezzo agricolo; intorno alle 12.30 ha infilato, forse imprudentemente, il piede tra gli ingranaggi per spingere il fieno secco ma è rimasto incastrato ed è stato risucchiato e stritolato nell'imballatrice. L'uomo è morto sul colpo. La scoperta, spiegano i carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Ragusa, intervenuti sul posto, è stata fatta da suo padre che ha notato il mezzo acceso senza però vedere suo figlio, che è stato trovato tra gli ingranaggi.