27 maggio 2024
Aggiornato 11:30
«Fallimento della globalizzazione e limiti dell’Unione Europea»

Immigrati, l'Europa faccia la sua parte

Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, Ministro per la Semplificazione Normativa e Coordinatore delle Segreterie Nazionali della Lega Nord

«L’aggressione di Nettuno è un episodio da condannare radicalmente, così come è da condannare qualunque altro episodio di razzismo, ma questo non toglie che di fronte ad una crisi internazionale che sta mettendo a rischio i posti di lavoro sia necessario valutare una sospensione di ingressi di nuovi immigrati e della libera circolazione in Europa.

Nuovi ingressi, quando a rischio ci sono i posti di lavoro anche per i cittadini italiani, fanno prevedere non solo più disoccupazione ma anche la conseguente impossibilità di integrazione, con i conseguenti rischi per l’ordine pubblico, per la sicurezza e per eventuali episodi di razzismo che sono sempre figli della guerra tra poveri. Da Davos tutti hanno tuonato contro le misure nazionaliste e protezioniste salvo poi, una volta rientrati a casa loro, metterle subito in essere e faremo bene anche a noi ad iniziare a fare subito altrettanto di fronte ad una crisi che ha dimostrato il fallimento della globalizzazione e i limiti dell’Unione Europea».

Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, Ministro per la Semplificazione Normativa e Coordinatore delle Segreterie Nazionali della Lega Nord.