19 giugno 2021
Aggiornato 01:30

Sanità: Sandri in commissione consiglio su centro acquisti

VENEZIA - L’Assessore alla Sanità Sandro Sandri ha riferito oggi in Quinta Commissione del Consiglio Regionale sulla delibera del 30 dicembre scorso istitutiva del Centro Regionale Acquisti per la Sanità. «Aldilà delle differenti posizioni politiche – ha detto Sandri al termine – è emersa da vari consiglieri la richiesta di esplicitare meglio alcuni passaggi della delibera, cosa che faremo senza problemi nel successivo provvedimento, già previsto al punto 7 della delibera stessa, per la definizione di una struttura regionale denominata ‘Centro Acquisti Sanità’».

«Ho peraltro confermato in Commissione la reale filosofia dell’iniziativa – ha aggiunto Sandri - che punta ad ottenere maggiori economie negli acquisti, ma che non si sostanzia in una sottrazione delle competenze che in materia già hanno le singole Ullss e le Aree Vaste, bensì in una evoluzione migliorativa dell’attuale sistema». Sandri ha quindi ribadito che «gli acquisti della Sanità veneta si realizzeranno su tre livelli: il Livello Aziendale per tutti gli acquisti non compresi nei livelli di Area Vasta o regionali; il Livello di Area Vasta per tutti gli acquisti che interessano il territorio di competenza di ogni specifica Area; il Livello Regionale, di cui si occuperà il Centro, per gli acquisti omogenei sui quali riteniamo sia ottenibile un maggior risparmio centralizzando la procedura di acquisizione, e per le acquisizioni strategiche finalizzate al raggiungimento di obbiettivi regionali rilevanti».