13 novembre 2019
Aggiornato 21:30
Centenario terremoto di Messina

«Cento anni fa una tragedia immane»

Dichiarazione del Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo sul centenario del terremoto di Messina

Dichiarazione del Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo sul centenario del terremoto di Messina: «Cento anni fa una tragedia immane cancellò le due città a cavallo dello stretto e fece 120 mila vittime in Sicilia e Calabria. La celebrazione del centenario, come giustamente ha ricordato Guido Bertolaso, a cui dobbiamo essere grati per il suo grande impegno, segna la nascita di un vero sistema nazionale di protezione civile efficace e funzionale.

Ma questo momento di grande solennità, deve servire a porre rimedio agli errori e ai comportamenti del passato: abbiamo costruito grattacieli dove era opportuno limitarsi a costruzioni di un solo piano; abbiamo tracciato strade strette e tortuoso lì dove sarebbe stato consigliabile realizzare grandi vie di fuga; abbiamo imbrigliato i torrenti e cementificato gli alvei dei fiumi.

Siamo stati miopi. Ma è venuto il momento di prendere coscienza, di valutare con freddezza la situazione, di studiare e trovare delle soluzioni. Siamo dinanzi a un imperativo: l'ambiente deve essere salvaguardato. Non possiamo non aver capito che la natura, se violentata, si vendica.
Oggi abbiamo uno strumento in più: abbiamo la protezione civile. Possiamo contare su un sistema organizzato. In Sicilia possiamo contare su più di 16 mila volontari, che si aggiungono agli amministratori locali – che rappresentano i veri tutori del territorio - e alle forze istituzionali (forze armate, forze dell'ordine, vigili del fuoco e corpo forestale, vigili urbani, croce rossa, volontari del soccorso).
Insieme possiamo farcela».