11 luglio 2020
Aggiornato 01:00
Prefettura di Pesaro e Urbino

Scuola, Forze dell'ordine e famiglie affronteranno insieme il disagio giovanile

Giovani e sicurezza sono stati i temi affrontati nella riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto di Pesaro e Urbino Alessio Giuffrida

Giovani e sicurezza sono stati i temi affrontati nella riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto di Pesaro e Urbino Alessio Giuffrida.
Il Comitato ha affrontato i temi della Sicurezza Pubblica relativi ai Comuni convocati al tavolo, ma l’occasione è stata particolarmente propizia, in relazione alla presenza di numerosi rappresentanti del mondo della scuola e dei servizi sociali e pubblici, per affrontare i temi del disagio giovanile. In particolare, sono stati approfondite le questioni relative al «bullismo», al vandalismo ed alla diffusione della droga e dell’alcool negli ambienti studenteschi.

Dopo aver registrato che, per quanto concerne la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica, il numero complessivo dei reati è in diminuzione, ed anche le tipologie criminali che destano maggiore preoccupazione quali i furti in abitazione sono in decremento, mentre le rapine sono sostanzialmente stazionarie, si è fatto il punto sui recenti successi delle Forze dell’Ordine per il contrasto di ogni forma di aggressione, da quella politica responsabile di alcuni episodi di intolleranza fra opposte fazioni giovanili, a quella della criminalità comune, responsabile di gravi minacce come l’attentato al titolare della ditta «Xanitalia».

I Sindaci hanno apprezzato in particolar modo l’attenzione al mondo giovanile, che spesso si rende responsabile di comportamenti pericolosi e antisociali a dimostrazione di un certo disagio delle nuove generazioni. Al riguardo, si è deciso di costituire un tavolo di confronto presso l’Ufficio Scolastico Provinciale, al quale parteciperanno dirigenti scolastici, personale delle Forze di Polizia, rappresentanti dei genitori e dei servizi sociali, per l’elaborazione di strategie di contrasto alla diffusione della droga, dell’alcool e dei comportamenti antisociali.

Il Prefetto ha voluto sensibilizzare le istituzioni scolastiche in questo percorso di diffusione dei principi di legalità e di rispetto delle regole nella consapevolezza che in questa materia è importante coinvolgere gli educatori e le famiglie, il cui impegno può garantire un risultato durevole anche per chi opera nel campo della sicurezza. Nel corso dell’incontro è stato distribuito ai presenti un opuscolo concernente l’elencazione e gli effetti delle singole sostanze stupefacenti redatto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale per i Servizi Antidroga.

Per quanto riguarda le azioni relative alla attività di prevenzione, nei confronti dello spaccio e dell’abuso di tali sostanze, il Prefetto ha sottolineato che, come per il passato, i Dirigenti degli Istituti Scolastici potranno contare sulla collaborazione delle Forze dell’Ordine, le quali, a richiesta, non mancheranno di effettuare gli opportuni controlli preventivi anche utilizzando cani antidroga presso le sedi delle scuole. Il Prefetto ha concluso l’incontro auspicando un costante dialogo fra le istituzioni che favorisca i migliori livelli di sicurezza soprattutto per le giovani generazioni.