16 dicembre 2019
Aggiornato 14:30
Prefettura di Rieti

«Patto per Fara in Sabina sicura»

Strategie condivise di sicurezza e controllo del territorio

Nel quadro di collaborazione tra governo centrale e locale improntato sui principi stabiliti dal Patto per la sicurezza stipulato nel marzo del 2007 tra il Viminale e l'Anci (Associazione nazionale dei Comuni italiani), è stato sottoscritto dalla prefettura di Rieti il 'Patto per Fara in Sabina sicura'.

Il Patto, di durata triennale, rappresenta un significativo avanzamento sul piano delle politiche integrate dello Stato con i diversi livelli delle autonomie territoriali, con particolare riguardo al raccordo delle attività di controllo del territorio proprie delle Forze di polizia con le competenze degli Enti locali. Un modello operativo capace di definire una strategia condivisa di azioni concorrenti sul territorio, ritenute efficaci in direzione della riqualificazione del tessuto urbano, del recupero del degrado ambientale e del disagio sociale oltre che della prevenzione e del contrasto della criminalità.

In tale ottica la Prefettura di Rieti e l’Amministrazione di Fara in Sabina con la sottoscrizione del Patto si sono impegnate a:
a) favorire uno scambio continuo di informazioni tra le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale;
b) promuovere interventi coordinati per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione e di diffusione della cultura della legalità e della sicurezza, per intensificare la collaborazione tra il personale della Polizia Municipale e quello delle Forze di polizia nei servizi di controllo del territorio;
c) sviluppare iniziative nel settore della sicurezza stradale;
d) realizzare un sistema di formazione professionale che coinvolga i diversi soggetti responsabili della sicurezza urbana;
e) favorire la realizzazione di sistemi operativi di comunicazione che, anche attraverso l’impiego di sistemi di sicurezza e di videosorveglianza consentano la gestione delle informazioni in modo integrato.