14 ottobre 2019
Aggiornato 12:00
Enti Locali

Sicurezza: varato il decreto per i poteri speciali ai sindaci

L'annuncio è stato dato dal ministro Maroni al termine della Conferenza Stato-città e autonomie locali che si è svolta al Viminale

E' stato firmato dal ministro dell'Interno Maroni il decreto, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che attribuisce ai sindaci poteri speciali in materia di sicurezza urbana e incolumità pubblica. L'annunicio è stato dato dal ministro Maroni al termine della Conferenza Stato-città e autonomie locali, da lui stesso presieduta, che ha espresso parere favorevole sul provvedimento. All'incontro era presente anche il sottosegretario all'Interno Davico.

Con questo decreto i Sindaci vedranno ampliati i loro poteri di intervento, prevenzione e contrasto, tra cui figurano: le situazioni urbane di degrado quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l'accattonaggio e i fenomeni di violenza legati all'abuso di alcol; le situazioni di danneggiamento al patrimonio pubblico e privato; l'incuria, il degrado e l'occupazione abusiva di immobili; l'abusivismo commerciale e l'illecita occupazione di suolo pubblico; i comportamenti, come la prostituzione in strada e l'accattonaggio molesto che offendono la pubblica decenza e turbano gravemente l'utilizzo di spazi pubblici.

Non si tratta, pertanto, di 'sindaci sceriffi' ma «Quello che vogliamo creare - ha spiegato proprio il ministro - è una sinergia sul territorio tra strutture di polizia, prefetti e sindaci. Questi ultimi, però, d'ora in poi avranno un ruolo da protagonisti per garantire la sicurezza sul territorio. I sindaci- ha proseguito Maroni - potranno utilizzare questi nuovi poteri per difendere l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana. Con il primo termine si intende l'integrità fisica della popolazione mentre con il secondo un bene pubblico da tutelare attraverso attività poste a difesa del rispetto delle norme che regolano la vita civile. Ora mi aspetto idee creative sulla sicurezza da parte dei sindaci».

Maroni, nel corso della conferenza stampa, si è anche soffermato su altri aspetti che riguardano da vicino il rapporto tra Stato e Autonomie locali annunciando che «A settembre firmeremo un protocollo di intesa con l'Associazione nazionale Comuni italiani per utilizzare il fondo 2009 di 100 milioni di euro per finanziare gli interventi sulla sicurezza urbana».
Per quanto riguarda la questione Ici il ministro ha assicurato che «Entro aprile 2009 il saldo dell'Ici sarà effettuato a tutti i comuni».

Infine, il tradizionale appuntamento del Viminale nel giorno di Ferragosto sarà - ha detto il ministro - una giornata «senza fronzoli a dispetto di quanto avvenuto negli anni passati». Maroni ha quindi reso noto che in quella data presiederà il comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza, al termine del quale sarà presentato un resoconto sulle attività e i risultati dei primi mesi di lavoro del suo ministero.