19 gennaio 2020
Aggiornato 09:00
Sanità Veneto

Sandri: «l’ospedale di Villafranca sarà pronto nei tempi e con i fondi previsti»

Lo dichiara l’assessore regionale alla sanità Sandro Sandri

«I lavori previsti per la ristrutturazione dell’Ospedale Magalini di Villafranca non subiranno nessuna modifica rispetto alle previsioni e nessun ritardo rispetto ai tempi programmati, così come non verrà a mancare nemmeno un euro del necessario finanziamento».

Lo dichiara l’assessore regionale alla sanità Sandro Sandri, intervenendo sulla bocciatura, avvenuta nell’ultimo Consiglio Regionale, di un Ordine del Giorno teso a ripristinare uno specifico finanziamento di 32 milioni di euro, rimodulato con una delibera di Giunta regionale del 26 maggio scorso. Sandri ricostruisce punto per punto i termini reali della situazione e ammonisce «chiunque a non accendere allarmi immotivati, strumentalizzando indebitamente la sensibilità dei cittadini villafranchesi su questo argomento, rispetto al quale invece non hanno nulla da temere».

«La delibera di maggio – precisa Sandri – fu assunta perché era emersa una necessità urgente per garantire la prosecuzione dei lavori all’Ospedale Borgo Trento di Verona. I fondi già in cassa per il Magalini di Villafranca non avrebbero comunque potuto essere usati prima della primavera del 2009 e sarebbe stato stupido non utilizzarli per un’urgenza su un’altra grande opera sanitaria veronese». Sandri garantisce che «quando serviranno davvero, i finanziamenti per il Magalini ci saranno e verranno immediatamente spesi». L’assessore spiega il perché: «i lavori del primo stralcio di Villafranca – precisa Sandri – sono già stati consegnati dal commissario straordinario architetto Canini, che ha già commissionato il progetto del secondo stralcio. Il lavoro dei progettisti si concluderà ad ottobre; e per chiudere la gara d’appalto secondo tutti i crismi di legge saranno necessari altri 3-4 mesi.

Operativamente quindi i fondi per il Magalini serviranno in primavera 2009. E per allora ci saranno, perché nel frattempo avremo riattivato il fondo statale per l’edilizia ospedaliera». «Questa è tutta la verità – conclude Sandri – e chiunque sbandieri problemi e allarmi per il futuro del Magalini o non conosce le procedure e la realtà, o è in malafede! Io sono tranquillo e possono esserlo anche tutti i cittadini di Villafranca, che vedranno completato il loro ospedale nei tempi e con i finanziamenti previsti».