tecno

Cos'è AirSelfie, il minidrone italiano per selfie 'volanti'

Il minidrone per selfie italiano ha sbancato la piattaforma di crowdfunding Kickstarter raccogliendo oltre 500mila euro e 2.762 micro-investitori provenienti da 81 Paesi nel mondo in poche ore

Cos'è AirSelfie, il minidrone italiano per selfie 'volanti'
Cos'è AirSelfie, il minidrone italiano per selfie 'volanti' (AirSelfie)

ROMA - Scatti volanti, selfie dall’alto come nei migliori set cinematografici. AirSelfie potrebbe sostituire completamente i bastoni per i selfie Made in Cina e spopolare in tutto il mondo. E, di fatto, già è successo. Il minidrone per selfie italiano ha sbancato la piattaforma di crowdfunding Kickstarter raccogliendo oltre 500mila euro e 2.762 micro-investitori provenienti da 81 Paesi nel mondo in poche ore. Ora, la flying camera,  dopo un tour per le principali città nel mondo, da Londra a Berlino, da Tokyo a Giacarta, passando per Singapore, da Los Angeles a New York, fino a toccare Dubai e concludersi a Milano, sta finalmente per approdare sul mercato.

Per selfie mozzafiato
Il device offre all’utente la possibilità di vivere un’esperienza del tutto nuova e inimitabile grazie anche alle sue caratteristiche tecniche. 4 micro motori Brushless (i più piccoli e potenti mai realizzati) e una videocamera da 5mpx sono racchiusi in un elegante e ultra-leggero (61gr) case in alluminio aeronautico anodizzato dal design italiano più piccolo di uno smartphone (6,7x9,4x1cm). Immagini stabili, nitide e fluide sono garantite da un sofisticato microprocessore coadiuvato da un sistema di assorbimento delle vibrazioni e dai sistemi per la stabilità durante il volo e in modalità di hovering: un micro sonar, il più piccolo al mondo, e un barometro che determinano la posizione del device rispetto al suolo sull’asse verticale e una drifting camera che, in base alla stabilità dell’immagine del terreno che  riceve è in grado, in caso risulti mossa, di correggere il movimento dei motori.

(AirSelfie)

Come funziona
La user experience è semplice e intuitiva e consente di utilizzare il device in ogni momento e in qualsiasi luogo. È sufficiente estrarre AirSelfie dalla cover e accenderlo. Si collega automaticamente al proprio smartphone via WiFi (una rete da 2.4GHz è generata direttamente dalla flying camera) ed è subito pronto al decollo. Il suo posizionamento in volo è facilmente gestibile direttamente dall’App AirSelfie (disponibile sia per iOS che per Android) secondo tre diverse funzioni di volo: Selfie Mode (la più semplice e immediata, con due semplici tasti direzionali per allontanare o avvicinare AirSelfie a sé) e Selfie Motion Control Mode (agendo su un joystick virtuale AirSelfie si muove copiando i movimenti del proprio telefono), entrambe comandabili tenendo il telefono in posizione verticale con una sola mano e con la possibilità di vedere la preview delle riprese direttamente sullo schermo dello smartphone, e una modalità più tradizionale, Standard Control Mode, in cui il proprio device, usato orizzontalmente, si sostituisce in tutto e per tutto ad un classico controller. Raggiunta la posizione di scatto soddisfacente, viene mantenuta dalla flying camera grazie alla funzione di hovering autonomo. AirSelfie può prendere il volo direttamente dalla propria mano e, dopo lo scatto o la ripresa video, può abbassarsi nuovamente ed essere preso manualmente in totale tranquillità grazie al suo design che lo rende pratico e particolarmente sicuro. In aggiunta, la funzione di hovering autonomo (sospensione in aria) consente di posizionare e orientare il device manualmente nel punto ottimale per lo scatto. È dotato di una funzione di «autoscatto con timer» che, una volta scelta la posizione perfetta, lascia ai soggetti il tempo necessario (fino a 10 secondi) di nascondere lo smartphone senza che il dispositivo appaia nelle foto.

«Con il nostro team, composto da professionisti di tutto il mondo, abbiamo studiato, progettato e realizzato una flying camera che supera tutti gli attuali standard e si posiziona a un livello completamente nuovo sul mercato, rompendo le regole che finora hanno dominato il settore - afferma Edoardo Stroppiana, Co-founder di Airselfie -. Dopo il successo ottenuto durante la campagna di Kickstarter, l’attuale emozionante fase di preordini ci conferma il forte entusiasmo con cui migliaia di persone sostengono il progetto. AirSelfie è diventato un fenomeno globale e il nuovo oggetto del desiderio».

Subito social
E’ possibile pubblicare immediatamente foto e video realizzati con AirSelfie sui propri social: tutte le immagini e i filmati vengono inviate automaticamente allo smartphone via WiFi e appaiono subito sull'app. Da lì è possibile selezionare cosa salvare nella galleria dello smartphone per procedere con l’upload sui propri social network preferiti, pronti a contare like e apprezzamenti da parte dei propri amici e follower. AirSelfie è già in pre-ordine sul sito a un prezzo di 259 euro. Da maggio sarà disponibile sul mercato al prezzo di 299 euro.