17 settembre 2019
Aggiornato 00:30
governo

Cos'è Developers Italia, la community di developers della Pubblica Amministrazione

Developers Italia è lo spazio attraverso cui tecnici e sviluppatori potranno utilizzare strumenti e documentazione aggiornata, interagire con i colleghi e scambiare opinioni e per contribuire allo sviluppo dei servizi digitali della PA

Cos'è Developers Italia, la community di developer della Pubblica Amministrazione
Cos'è Developers Italia, la community di developer della Pubblica Amministrazione ANSA

ROMA - Un vero e proprio spazio aperto dove poter realizzare progetti al fine di eliminare il gap tecnologico che questo Paese si porta dietro da anni, partendo dalla Pubblica Amministrazione. E’ questo Developers Italia, a community dedicata agli sviluppatori di servizi pubblici digitali, creata da Agid e dal Team per la trasformazione Digitale, guidato da Diego Piacentini.

I progetti
Di fatto sappiamo come l’Italia abbia bisogno di un costante sviluppo e aggiornamento in termini digitali, soprattutto per ciò che riguarda l’organizzazione pubblica. Da SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale a dati.gov.it, il catalogo nazionale dei dati aperti delle pubbliche amministrazioni italiane. E poi Anpr, l’Anagrafe nazionale popolazione residente definita «una sfida straordinaria per il Paese, essenziale per la nascita di tanti nuovi servizi digitali». Developers Italia è lo spazio attraverso cui tecnici e sviluppatori potranno utilizzare strumenti e documentazione aggiornata, interagire con i colleghi e scambiare opinioni e per contribuire allo sviluppo di questi servizi digitali, utili per tutta la popolazione italiana.

Come è strutturata la piattaforma
La piattaforma prevede uno spazio su GitHub per ospitare il codice sorgente e librerie open-source pronte all’uso e all’integrazione; un’area basata su ReadTheDocs per riscrivere documentazioni strutturate e indicizzabili, pensata e scritta per la fruizione da tecnico a tecnico; una newsletter e uno spazio per le news, per essere avvertiti su ogni nuova attività e progetto; un forum aperto basato su Discourse, dove poter liberamente discutere con i colleghi di tutta Italia. Insomma, una piattaforma dove ospitare i principali progetti tecnologici.

Si cercano sviluppatori
«Le iniziative tecnologiche non avranno mai successo perché imposte per legge, ma solo se utili per i cittadini, moderne, facili da integrare per gli sviluppatori», ha detto il team di Piacentini, durante l’evento di presentazione in occasione della tappa romana del Codemotion.  L’invito, ovviamente, è rivolto a tutti gli sviluppatori che vogliano contribuire al progetto di rendere l’Italia una nazione più digitale. «Avvieremo gare pubbliche per piccole commesse di sviluppo software dedicate alle aziende italiane di tecnologia, anche startup, che vogliono aiutarci», dicono dal Team Digitale.