22 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
l'accordo con milano

C'è un ponte per startup tra l'Italia e Amsterdam

L'accordo mira a favorire lo scambio di idee e progetti tra le startup e accompagnare le giovani imprese alla scoperta delle opportunità del mercato italiano e olandese

MILANO - Favorire lo scambio di idee e progetti tra le startup e accompagnare le giovani imprese alla scoperta delle opportunità del mercato italiano e olandese: questi gli obbiettivi dell'accordo di collaborazione tra le città di Milano e Amsterdam firmato a Palazzo Marino dall'assessora al Lavoro, Cristina Tajani, e dalla sua collega all'Economia della città di Amsterdam, Kajsa Ollongren.

Ponte per startup tra l’Italia e Amsterdam
Sempre secondo quanto riferito da Palazzo Marino, Amsterdam ha scelto di collaborare con Milano grazie alla capacità del capoluogo lombardo di imporsi a livello nazionale e internazionale quale punto di riferimento per lo sviluppo della giovane imprenditoria. Negli ultimi cinque anni sono più di 900 le startup nate grazie al contributo del Comune di Milano, assieme a otto incubatori d'impresa dedicati ai settori che vedono Milano punto di riferimento per la moda e il design, passando dall'agroalimentare sino all' innovazione tecnologica.
«All'accordo siglato qualche mese fa con New York si aggiunge quello con Amsterdam, segno che le grandi metropoli del mondo guardano a Milano e al suo territorio sempre con più interesse - ha dichiarato Tajani, aggiungendo che - Milano è ormai riconosciuta come polo economico, finanziario e tecnologico indispensabile per confrontarsi con il mercato italiano ed europeo»

Necessario superare i confini territoriali
«La sinergia sottoscritta oggi è importante perché permette alle startup milanesi di allargare i propri orizzonti di crescita - ha proseguito l'assessora, sottolineando che - in un'economia sempre più globalizzata è necessario che le aziende siano in grado, attraverso idee e prodotti, di superare i confini territoriali. Iniziative come queste proseguono e allargano il percorso già portato avanti dall'Amministrazione per favorire la nascita e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali che riescano, nei diversi ambiti, ad affermare l'imprenditorialità italiana».