15 novembre 2019
Aggiornato 20:30
internet of thigs

Smart Cube, il cubetto di ghiaccio che avvisa il barman quando il cocktail è finito

E' stato ideato da Martini con la collaborazione di Amv Bbdo. I sensori permettono di capire quando il cocktail è finito e di avvisare il barman

MILANO - In un’era dove tutto è diventato intelligente poteva un semplice cubetto di ghiaccio essere esente dalla trasformazione digitale? La risposta l’ha data Martini ed è assolutamente negativa. Si chiama Smart Cube ed è il primo cubetto di ghiaccio intelligente che avvisa il barman quando il cocktail è giunto al termine.

Il cubetto di ghiaccio intelligente
L’oggetto è dotato della tecnologia iBeacon ed è stampato in 3D n una speciale resina atossica e parzialmente riempito di Aerogel, una sostanza messa a punto dalla NASA che consente al cubetto di galleggiare nel drink e di rinfrescarlo allo stesso tempo. La vera innovazione è che la tecnologia al suo interno mette in comunicazione diretta il bicchiere e  l’iPad Pro (con apposita app) di cui viene dotato il barman dietro il bancone.

Come funziona
Il cubetto è abbinato - durante la fase di preparazione - al cocktail nel quale deve essere immerso (al momento è associato solo a Martini Bianco e Martini Rosso). I sensori contenuti al suo interno sono in grado di registrare quando la bevanda è giunta al termine e attivano un segnale luminoso Led, inviando via bletooth l’informazione al tablet del barman. Questo è, quindi, allertato e può procedere alla preparazione di un bis del cocktail da far recapitare direttamente al tavolo del cliente, che viene localizzato utilizzando il sistema iBeacon.

(Credits photo courtesy of Martini)

Il prototipo è in via sperimentale e si basa sul fatto che il cliente desideri un cocktail doppio e sempre dello stesso tipo e che lo voglia subito dopo aver terminato il primo. Ma del resto, la tecnologia non ha limiti. Inoltre, un dispositivo del genere, potrebbe evitare al cliente interminabili code alla cassa e sfruttare il tempo in modo più intelligente, magari chiacchierando comodamente seduto al tavolo.