20 gennaio 2021
Aggiornato 23:00
sicurezza informatica

Password banale, Microsoft blocca l'account

Il sistema riconosce le password troppo comuni o semplici e forza gli utenti a crearne di più complesse. Questo per evitare gli attacchi informatici, sempre più frequenti

ROMA - Poco conta che in futuro potremo dire addio alle password a favore di modelli di autenticazione più sicuri. Microsoft mette le mani avanti ed è pronto a bannare chi utilizzerà delle password troppo ovvie come chiave d’accesso ai servizi online.

Utenti bannati per password troppo semplici
Il sistema, nel caso in cui dovesse riconoscere che è stata scelta una password facile da rubare o comunque tra le più abusate, forzerà gli utenti a crearne una più complessa per gli account Microsoft e Azure. Addio quindi a password come la dicitura stessa «password» piuttosto che la sequenza «1234» o «querty». Password come queste sono state, infatti, inserite nella lista nera del colosso di Redmond e risultano essere non solo tra le più utilizzate sul web, ma anche quelle più sensibili ad attacchi informatici.

Contro gli attacchi informatici
La scelta di Microsoft si inserisce nel contesto della sicurezza informatica, al fine di sensibilizzare gli utenti a un utilizzo più consapevole delle piattaforme online. Gli attacchi informatici sono sempre più numerosi e costituiscono un notevole pericolo per l’infinita mole di dati che circola sul web. Su questo fronte la maggior parte delle piattaforme continua ad utilizzare il sistema di blocco dopo troppi tentativi di accesso andati falliti, visto che questo assicura che gli hacker stiano lontani dal sistema nel 54% dei casi.