30 settembre 2020
Aggiornato 21:00
timelapse

Come si costruisce il super grattacielo di Shanghai

Il grattacielo dovrebbe essere inaugurato il prossimo aprile. Al suo interno 106 ascensori, tra cui i tre più veloci al mondo, in grado di viaggiare a 66 chilometri orari

SHANGHAI - Non si può certo dire che Joe Nafis non abbia pazienza. Negli ultimi sette anni ha, infatti, dedicato 1000 ore e ha scattato 350mila fotografie per documentare la costruzione della Torre di Shanghai, un nuovo grattacielo alto ben 631 metri e composto da 128 piani. Si tratta del secondo grattacielo più alto al mondo, dopo il Burj Khalifa di Dubai.

I tre ascensori più veloci al mondo
Joe Nafis, regista californiano, si è spostato in vari luoghi strategici per scattare quelle che di fatto sono 350mila fotografie che documentano i lavori di costruzione del grattacielo. Ha addirittura utilizzato dei droni per garantire un risultato ottimale. Il tutto raccolto in 8 terabyte di dati che sono stati utilizzati per produrre un incantevole video in timelapse. Al momento la torre, la cui costruzione ammonta a 1,8 miliardi di euro, non è stata ancora aperta al pubblico (la data ufficiale - o ufficiosa - è prevista per il prossimo aprile 2016). Potrà raccogliere 16mila persone al giorno in quella che può considerarsi quasi una cittadina con uffici, bar e ristoranti. Al suo interno ci sono 106 ascensori - tra cui i futuri tre ascensori più veloci al mondo - in grado di viaggiare a circa 66 chilometri orari, cioè 18 metri al secondo. Per chi fosse impossibilitato a volare a Shanghai vi consigliamo di vedere il video. Mozzafiato.

The Shanghai Tower | 上海中心大厦 from Joe Nafis on Vimeo.