17 febbraio 2020
Aggiornato 17:00

Adsl e filtri peer to peer: Tele2 nuovo procedimento Antitrust

A carico della società del gruppo Vodafone

Il gestore telefonico Tele2 (gruppo Vodafone) ancora non informa adeguatamente la clientela Adsl della limitazione di banda che attua, impedendo connessioni peer to peer (che permettono la condivisione di file audio, video e altro). Il gestore nel dicembre scorso era stato condannato dall'Antitrust per motivi analoghi. L'Autorità gli impose, oltre al pagamento di una sanzione (minima), una completa e trasparente informazione affinché il cliente potenziale potesse scegliere con cognizione di causa. Tale previsione è stata disattesa, da qui il provvedimento dell'Antitrust che ha aperto un nuovo procedimento a carico del gestore.

»... Si ritiene, pertanto, che le informazioni riportate sul sito Internet e nelle Condizioni Generali di Contratto della società, riguardanti l’esistenza di sistemi di filtraggio e il loro utilizzo da parte della società, non siano efficaci ed idonee a fornire al consumatore medio un’informazione chiara ed esaustiva. Tale considerazione è ancor più grave in riferimento alla sottoscrizione, da parte dei consumatori, di offerte ADSL con tariffa flat che, a fronte di un obbligatorio esborso fisso mensile (il canone flat), non garantiscono di poter usufruire del servizio dati ADSL senza subire, durante la navigazione, rallentamenti e/o blocchi di connessione anche di lunga durata».

In pratica, sul sito di Tele2 sono stati inserite chiarimenti, ma nulla di sostanziale ad avviso dell'Antitrust.
Non c'è da stupirsi: a fronte di violazioni durate anni, la sanzione comminata nel dicembre scorso dall'Antitrust a Tele2-Vodafone è stata di soli 90 mila euro, rispetto ad una sanzione massima possibile di mezzo milione di euro. In questo nuovo procedimento il rischio è ancora molto limitato.

Scrive l'Antitrust:
«… Ricorrono, in conclusione, i presupposti per l’avvio del procedimento previsto dall’art. 27, comma 12, del Codice del Consumo, volto all’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 a 150.000 euro«.
E' evidente che cifre così piccole non dissuadono: si ha più convenienza a pagare piccole multe e non rispettare le regole, catturando clienti. Ed è quello che ha fatto Tele2-Vodafone.

Domenico Murrone, Aduc Tlc