15 ottobre 2021
Aggiornato 21:30
Il satellite GOCE dell'Agenzia spaziale europea è nuovamente pronto per il suo lancio nello spazio

Satellite UE nuovamente pronto per il decollo

E' stato sviluppato per aumentare il livello della nostra comprensione di una delle più fondamentali forze naturali della Terra: il suo campo gravitazionale

Il satellite GOCE (Gravity field and steady-state Ocean Circulatione Explorer) dell'Agenzia spaziale europea è nuovamente pronto per il suo lancio nello spazio che avverrà il 10 settembre 2008, dopo che il suo primo lancio era stato rimandato.

L'iniziale rinvio era stato fatto come misura precauzionale dopo un malfunzionamento nello stadio finale di un lanciatore russo Proton. Questo rinvio ha portato alla riconfigurazione del satellite per un lancio estivo. Ora, a meno di due mesi dall'evento, il GOCE è pronto per essere spedito dalle strutture dell'ESA nei Paesi Bassi dove sono stati effettuati i test, al cosmodromo di Plesetsk nel nord della Russia.

Il satellite GOCE, soprannominato la Formula 1 dei veicoli spaziali, è stato sviluppato per aumentare il livello della nostra comprensione di una delle più fondamentali forze naturali della Terra: il suo campo gravitazionale.

Questo verrà fatto mediante un Electrostatic Gravity Gradiometer (EGG) che verrà trasportato a bordo.

Anche se non la possiamo vedere, la gravità è una forza complessa che ha una grande influenza sulla nostra vita di tutti i giorni. Forse avrete imparato a scuola che la forza di gravità sulla superficie della Terra è un valore costante. Tuttavia, questo non è vero; infatti, il valore di «g» varia leggermente da un luogo all'altro.

Perchè avvengono queste variazioni? Ebbene, queste variazioni sono spesso dovute a una serie di fattori (compresa la rotazione della Terra), la posizione delle montagne e delle fosse oceaniche e le variazioni nella densità della parte interna della Terra.

Si prevede che il GOCE rimanga in orbita per almeno 20 mesi. Durante questo periodo, esso farà una mappatura estremamente dettagliata e precisa di queste variazioni globali della gravità. La mappatura della gravità verrà usata per creare uno straordinario modello del geoide, ovvero la superficie con uguale potenziale gravitazionale definita dal campo gravitazionale. Queste misurazioni sono fondamentali per sviluppare delle misurazioni accurate della circolazione degli oceani e dei cambiamenti superficiali del mare, che vengono entrambi influenzati dai cambiamenti climatici.

I dati raccolti dal GOCE aiuteranno anche gli scienziati di tutto il mondo a capire meglio ciò che accade all'interno della Terra, e verranno usati in applicazioni pratiche come i rilevamenti e la livellazione.

Il satellite è stato soprannominato Formula 1 poiché presenta un design elegante. Con la sua forma a freccia e le pinne stabilizzatrici, esso sfreccerà nell'aria ad un'altitudine di 263 km. La sua traiettoria di volo lo metterà ad una leggera inclinazione rispetto ad un'esatta orbita polare. Questo significa che il satellite andrà nell'ombra della Terra durante le notti polari per 28 minuti, 135 giorni ogni anno.

Nel fare questo, il GOCE subirà dei cambiamenti della temperatura che potrebbero influire sulle misurazioni. Non sapendo esattamente quando il GOCE sarebbe stato lanciato, nella sua progettazione è stata inclusa l'opzione di scelta tra farlo andare nell'ombra della Terra, chiamato «periodo eclisse», tra ottobre e febbraio o tra aprile e agosto.

Poiché il GOCE verrà lanciato a settembre, il periodo eclisse scelto è quello tra aprile e agosto, perchè questo permette una missione e operazioni scientifiche senza problemi fino ad aprile dell'anno prossimo.

Il satellite GOCE lascerà l'aeroporto Schiphol vicino ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, e verrà trasportato in volo ad Arkhangelsk, in Russia, su un aereo cargo Antonov, il più grande aereo mai costruito. Da Arkhangelsk verrà trasportato in treno verso sud, al cosmodromo di Plesetsk.