26 settembre 2018
Aggiornato 01:30

Birmania, esercito apre il fuoco contro i profughi Rohingya: tentavano di scappare in Bangladesh

Le forze armate birmane hanno aperto il fuoco con mitragliatrici e proiettili di mortaio su centinaia di profughi Rohingya ammassati vicino al valico di frontiera di Ghumdhum da dove cercavano di entrare in Bangladesh

BIRMANIA - Le forze armate birmane hanno aperto il fuoco con mitragliatrici e proiettili di mortaio su centinaia di profughi Rohingya ammassati vicino al valico di frontiera di Ghumdhum da dove cercavano di entrare in Bangladesh, ma senza successo perché le autorità hanno negato loro l'accesso. Sono tutte famiglie in fuga dagli scontri fra l'esercito birmano e i ribelli Rohingya scoppiati venerdì scorso che hanno causato almeno 92 morti. I combattimenti riguardano soprattutto lo stato settentrionale birmano di Rakhin, teatro da diversi anni di forti tensioni fra la minoranza musulmana dei Rohingya e i buddisti; i primi, considerati come degli stranieri e privi di accesso al mercato del lavoro e ai servizi pubblici, rimangono ancora senza patria sebbene alcuni risiedano nel Myanmar da generazioni.