In California l'incendio più devastante della storia

Due dei più grandi roghi di sempre si sono uniti nel «complesso di Mendocino». Oltre 114 mila gli ettari inghiottiti, pari all'intera superficie di Los Angeles
Due vigili del fuoco al lavoro nel Nord della California all'incendio del complesso di Mendocino
Due vigili del fuoco al lavoro nel Nord della California all'incendio del complesso di Mendocino (EPA/JOHN G. MABANGLO)

LOS ANGELES – Due dei più grandi roghi della California si sono uniti, nel Nord dello stato Usa, creando l'incendio più devastante della storia californiana, hanno annunciato le autorità. Ribattezzato «l'incendio del complesso di Mendocino», il rogo ha inghiottito 114.850 ettari di terreno, la superficie di Los Angeles.

Estate d'inferno
L'incendio si è formato dall'unione del River Fire e del Ranch Fire. Intanto il Carr Fire, che sta devastando un'altra zona settentrionale della California, ha causato sette morti e la distruzione di circa 1.600 edifici dal 23 luglio ad oggi. Lo stato Usa è flagellato dai roghi: si conta anche il Ferguson Fire, ancora attivo e che ha causato la chiusura parziale del Parco nazionale Yosemite, in piena stagione turistica.

Leggi nel mirino
Oltre 14 mila vigili del fuoco sono a lavoro in tutto lo stato. Secondo il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, gli incendi sono amplificati dalle «attive leggi ambientali che non permettono di utilizzare correttamente le enormi quantità d'acqua facilmente accessibili».