19 novembre 2019
Aggiornato 00:30
Esercito mobilitato

Paura in India, si avvicina e acquista velocità il «ciclone Phailin»

L'aviazione militare ha inviato squadre per aiutare le agenzie locali ad allontanare le persone dal previsto percorso del ciclone Phailin, che dovrebbe toccare terra domani sera accompagnato da un'onda di tempesta alta fino a tre metri

NUOVA DELHI - Un ciclone «molto potente» ha acquistato velocità mentre si dirige verso la costa orientale dell'India, dove l'esercito è stato mobilitato per sostenere le attività di sgombero. Una situazione che ai cittadini, in preda al panico, ha ricordato la devastante tempesta del 1999.
L'aviazione militare ha inviato squadre per aiutare le agenzie locali ad allontanare le persone dal previsto percorso del ciclone Phailin, che dovrebbe toccare terra domani sera accompagnato da un'onda di tempesta alta fino a tre metri.
Si tratta di una «tempesta ciclonica molto potente con venti veloci fino a 210-220 chilometri l'ora», ha indicato il Dipartimento Meteorologico Indiano (IMD) nell'aggiornare i suoi bollettini.

POTENZIALE DISTRUTTIVO - Piogge battenti e vento forte già hanno investito molte zone costiere prima dell’impatto di Phailin, che si trova a meno di 200 chilometri dalla costa e che è accompagnato da raffiche di vento di 200-220 km/h, con punte di 240. I media radio-televisivi ed online seguono passo passo l’evolversi del fenomeno, nel timore che esso possa ripetere il disastro provocato nel 1999 da un super-ciclone che causò in Orissa 10 mila morti. Secondo Lakshman Rathore, capo del Dipartimento meteorologico di New Delhi, Phailin produrrà anche onde alte 3-4 metri che si abbatteranno sulla zona costiera. E secondo gli osservatori Phailin potrebbe raggiungere la forza del dell’uragano Katrina. «Il ciclone ha un alto potenziale distruttivo dati i forti venti che lo accompagnano».Accanto al lavoro incessante dei servizi della Protezione civile dell’Orissa e dell’Anddhra Pradesh, il governo centrale ha messo in stato di allerta le forze armate, pronte ad intervenire per terra ed aria in caso di gravi necessità.