19 agosto 2019
Aggiornato 15:30
Proteste in India

Anna Hazare esce di prigione e inizia il «digiuno pubblico»

Il «guru» indiano nella lotta alla corruzione ha accettato un compromesso con le autorità

NUOVA DELHI - Anna Hazare, «guru» indiano nella lotta contro al corruzione, è uscito oggi di prigione per osservare uno sciopero della fame pubblico di 15 giorni, per chiedere al governo un inasprimento del suo progetto di legge anti-corruzione. Hazare, 74 anni, che si ispira al Mahatma Ghand, è uscito dalla prigione di Tihar accolto dall'ovazione di una folla di sostenitori che sventolavano bandiere dell'Unione indiana. Il suo arresto, eseguito lo scorso martedì scorso, aveva scatenato manifestazioni di protesta senza precedenti in tutto il paese.

«Fratelli e sorelle, cari bambini, nel 1947 abbiamo avuto la libertà, ma non abbiamo ancora guadagnato la nostra propria libertà», ha detto Anna Hazare riferendosi alla data dell'indipendenza dell'India dalla Gran Bretagna. Il «guru», che sta conducendo una campagna anticorruzione, non ha ottenuto l'autorizzazione per uno sciopero della fame illimitato da parte delle autorità, e ha quindi accettato di uscire di prigione dopo aver negoziato uno sciopero della fame pubblico di 15 giorni, da svolgere in una spianata di Nuova Delhi che può accogliere fino a 25.000 persone.