24 maggio 2024
Aggiornato 06:30
Si parla di un tragico incidente

Venezuela, morti in un burrone i volontari italiani scomparsi

Le cause del decesso dei due volontari saranno accertate da una autopsia

CARACAS - Erano partiti una settimana fa per un'escursione nelle montagne di Merida; sono stati trovati in fondo a un burrone dai soccorsi venezuelani i due volontari italiani Simone Montesso, 23 anni, e Massimo Barbieri, 37.

Simone Montesso, di Bolzano, volontario della Comunità Papa Giovanni XXIII e Massimo Barbiero, di Padova, missionario laico associato alla stessa Comunità, da sempre impegnati generosamente al servizio dei più poveri, si erano recati nei pressi della località di Merida per una passeggiata. Le cause del decesso dei due volontari saranno accertate da una autopsia, ma si pensa in prima ipotesi a un tragico incidente.

Tre giorni fa il responsabile Generale Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, in un comunicato inviato all''Agenzia Fides, aveva lanciato un appello alle autorità venezuelane e italiane «affinché possano impegnarsi nei tempi più rapidi possibili, nella speranza che essendosi persi o rimasti feriti, siano salvati in tempo, senza escludere nessuna ipotesi come quella di un rapimento, in un territorio confinante con la Colombia dove purtroppo questi fatti si verificano spesso».