24 giugno 2024
Aggiornato 09:00
Cronaca. Stati Uniti

Esplode la centrale a Middletown, la città dei siciliani

Cinque vittime certe, ma i morti potrebbero essere una cinquantina

MIDDLETOWN - Cinque morti accertati, almeno dodici feriti. E un numero imprecisato di persone che mancano all'appello. E' stata una giornata infernale quella di ieri a Middletown, la città del Connecticut gemellata con la 'siracusana' Melilli che chiamano 'little Sicily' per la sua alta concentrazione di emigranti siciliani. Erano le 11.25 quando una potente esplosione in una centrale elettrica in fase di collaudo ha provocato una strage.

Nelle ore immediatamente successive alla deflagrazione, provocata probabilmente da una fuga di gas, il personale di soccorso ha riferito che «50 dipendenti si trovavano» sul posto dell'incidente. «Tra 100 e 200 persone possono lavorare tutti qui e non conosciamo l'esatto numero delle persone presenti» al momento dell'esplosione, ha fatto sapere l'azienda coinvolta, riconoscendo le difficoltà a stabilire con esattezza quante persone possono essere state coinvolte.

E in effetti, un portavoce dell'ospedale locale ha spiegato che il bilancio definitivo a «Kleen Energy» potrebbe essere di non meno di 50 morti. Gli effetti dell'esplosione sono stati avvertiti in tutta la regione circostante e il boato è stato udito perfino a circa 15 chilometri di distanza dalla centrale. Le autorità locali hanno allestito un'unità di crisi permanente, mentre una ventina di ambulanze si trovano ancora sul posto per i soccorsi a eventuali sopravvissuti.

La centrale elettrica, alimentata a gas, sarebbe dovuta entrare in servizi nelle prossime settimane. La Energy Investor Funds ha acquistato recentemente l'80% della 'Kleen Energy'. Situata alla periferia di Middletown, la centrale si trova in prossimità di numerose abitazioni. «Ero a circa 3 chilometri dalla centrale quando ho avvertito l'esplosione. Ho sentito tutto tremare. Ho degli amici che vivono ad oltre venti chilometri che mi hanno chiamato perché anche loro hanno sentito la deflagrazione», ha detto un residente locale, Mike Woronoff.