15 dicembre 2019
Aggiornato 14:30
Mondo. Israele

40 deputati israeliani minacciano il boicottaggio dei prodotti Gb

Rappresaglia per restrizioni su esportazioni da colonie ebraiche

GERUSALEMME - Quaranta deputati israeliani su 120 hanno minacciato il boicottaggio dei prodotti britannici per protestare contro una misura di Londra che riguarda le esportazioni in provenienza dalle colonie ebraiche. Questi deputati, della maggioranza e dell'opposizione, hanno firmato una petizione di una parlamentare, Ronit Tirosh.

Il documento sarà trasmesso dal presidente della Knesset Reuven Rivlin al suo omologo britannico, ha precisato Tirosh, membro del partito Kadima. «Il deputato Ronit Tirosh ha preso l'iniziativa di una petizione che minaccia di invitare gli israeliani a 'riflettere a due volte' prima dio acquistare prodotti britannici nel caso in cui la decisione del governo britannico non dovesse essere annullata», si legge in un comunicato.

La petizione fa riferimento a una raccomandazione del ministero britannico dell'Agricoltura che ha consigliato la settimana scorsa ai commercianti locali di precisare chiaramente se i prodotti israeliani venduti in Gran Bretagna provengono dalle colonie ebraiche o dalla Cisgiordania occupata.

Le relazioni tra Israele e Gran Bretagna attraversano un periodo di forte tensione a seguito del mandato di arresto emesso da un tribunale britannico nei confronti dell'ex ministro israeliano degli Affari Esteri Tzipi Livni nell'ambito di una controversa legge sui crimini di guerra.