20 gennaio 2021
Aggiornato 23:30
Cronaca. Cina

Esplosione in miniera a Hegang: 31 morti, 82 intrappolati

Bilancio ancora provvisorio, deflagrazione nella notte

PECHINO - Almeno 31 minatori sono morti e 82 sono rimasti intrappolati oggi in un'esplosione avvenuta in una miniera di carbone nel nord-est della Cina: il bilancio è ancora provvisorio, secondo quanto annunciato dalla televisione ufficiale cinese.

L'esplosione ha avuto luogo alle 2.30 di questa notte, ora locale, nel pomeriggio di ieri in Italia, alla miniera di Hegang, nella provincia di Heilongjiang, mentre si trovavano al lavoro 538 minatori.

La maggioranza dei 538 minatori presenti in miniera al momento dell'esplosione è riuscita a uscire: secondo la televisione locale, restano ancora da soccorrere 82 operai.

Secondo l'agenzia Nuova Cina, il vice premier cinese Zhang Dejiang si recherà sul posto per seguire da visino le operazioni di soccorso.

La miniera, che produce 1,45 milioni di tonnellate di carbone all'anno, è di proprietà della compagnia pubblica Heilongjiang Longmay Mining, la prima impresa mineraria del nord-ovest della Cina.

Gli incidenti in miniera sono molto frequenti in Cina: oltre 3.200 minatori hanno perso la vita l'anno scorso in esplosioni analoghe a quella odierna.