19 ottobre 2019
Aggiornato 13:30
Immigrazione. Spagna

La Spagna «paga» 9mila disoccupati immigrati per tornare a casa

A causa della crisi economica, accordo per rinunciare a sussidio disoccupazione

MADRID - Circa novemila immigrati senza lavoro hanno firmato un accordo con il governo spagnolo per tornare a casa in cambio di un indennizzo pari al sussidio a cui avrebbero diritto, almeno fino a quando la Spagna non si risolleverà dalla recessione.

PROGRAMMA VOLONTARIO - Il numero dei richiedenti è meno della metà di quello che si aspettava Madrid. Il ministero per il Lavoro e l'Immigrazione ha dichiarato in un comunicato che 8.724 persone hanno fatto richiesta per tornare a casa o sono già partiti grazie all'iniziativa nata un anno fa. Il programma è assolutamente volontario e riguarda decine di migliaia di cittadini extracomunitari, la maggior parte latinoamericani, che hanno perso il lavoro e possono ricevere il sussidio di disoccupazione. Per rientrare la Spagna offre loro subito il 40% dei soldi che spetterebbero loro se restassero nel Paese e il rimanente 60% una volta rientrati.