20 novembre 2019
Aggiornato 20:00
Cronaca. Canada

Squilibrato irrompe in edificio governativo, presi ostaggi

In corso trattative con la polizia. Centinaia di funzionari sono riusciti a uscire senza difficoltà dall'edificio

OTTAWA - Uno squilibrato tiene in ostaggio un numero indefinito di persone in un edificio governativo nel centro di Edmonton, capoluogo della provincia canadese dell'Alberta. Lo ha annunciato un portavoce della polizia.

Centinaia di funzionari sono riusciti a uscire senza difficoltà dall'edificio, alcuni in lacrime, hanno raccontato testimoni. Tutte le strade vicine a questo edificio governativo provinciale, che ospita di solito settecento persone, sono state bloccate, ma la polizia non ha per il momento intenzione di sgomberare altri edifici. «Alle 8.42 (le 16.42 italiane), questa mattina, abbiamo ricevuto la telefonata di un uomo, armato di un fucile, che si era introdotto nell'edificio», ha dichiarato alla stampa un portavoce della polizia di Edmonton, Jeff Wuite.

Ha confermato che lo squilibrato trattiene degli ostaggi, ma si è rifiutato di precisarne il numero. Secondo un dipendente evacuato, citato dalla televisione pubblica Cbc, nove persone sono trattenute all'ottavo piano di questo edificio. Reparti armati fino ai denti sono in procinto di schierarsi intorno alla costruzione, secondo immagini delle televisioni locali. Erano inoltre visibili due robot telecomandati, utilizzati per far «brillare» gli ordigni, erano anche visibili.

«Le nostre squadre tattiche e i nostri negoziatori discutono attualmente con l'uomo per tentare di arrivare a una conclusione pacifica», ha detto il portavoce della polizia. Una squadra di poliziotti ha tentato di fare irruzione nel palazzo,prima di tornare indietro, ha detto alla televisione News Chanel Bill Moore-Kilgannon, che lavora in un palazzo adiacente. «Non sono rimasti molto a lungo, forse tre o quattro minuti, quindi sono usciti», ha spiegato. Testimoni hanno anche raccontato di aver avvertito il rumore sordo di una esplosione la cui origine era dubbia. «Non possiamo confermare che ci siano stati colpi di arma da fuoco», ha informato Wuite.