11 luglio 2020
Aggiornato 01:00
Studio pubblicato sulla rivista scientifica «Trends in Cognitive Science: Science and Society»

Studio Usa: interrogatori Cia «biologicamente controproducenti»

Potrebbero aver causato danni cerebrali alle persone interrogate

WASHINGTON - Un articolo apparso oggi sulla rivista scientifica «Trends in Cognitive Science: Science and Society» afferma che le brutali tecniche di interrogatorio utilizzate dalla Cia nei confronti di sospetti terroristi, durante la precedente amministrazione Bush, potrebbero aver causato loro danni al cervello e alla memoria.

Secondo gli autori dell'articolo, tecniche brutali come il 'waterboarding' (annegamento simulato) o la privazione del sonno, che sottopongono le persone interrogate a forti stress, sono biologicamente controproducenti, e rischiano di provocare risposte confuse o inattendibili.