2 agosto 2021
Aggiornato 06:30
In primo piano

Guantanamo, gli USA ammettono «abbiamo torturato»

Una funzionaria del Pentagono ha raccontato delle torture fisiche e psicologiche inflitte ad un prigioniero saudita

Il Pentagono, per la prima volta in 7 anni, ha ammesso di aver praticato la tortura nel carcere di Guantanamo. In un'intervista a Bon Woodward, il giornalista che con la sua inchiesta sul Watergate costrinse Nixon alle dimissioni, la funzionaria del Pentagono, Susan Crawford, ha raccontato delle torture fisiche e psicologiche inflitte ad un prigioniero saudita. Torture che sarebbero avvenute su indicazione del Ministro della Difesa Robert Gates. La Crawford per la prima volta ha quindi ammesso ciò che Bush e Cheney hanno sempre negato e cioè che i prigionieri della base americana di Cuba sono stati sottoposti a torture.