14 ottobre 2019
Aggiornato 12:30
Agricoltura

Acli Terra all’Assemblea della Coldiretti

Zannini: «Condivido le preoccupazioni di Sergio Marini sulla gravità della fase attraversata dall’agricoltura italiana»

ROMA - Partecipando ai lavori dell’Assemblea nazionale della Coldiretti, al Palalottomatica di Roma, Michele Zannini, Presidente nazionale di Acli Terra, ha dichiarato di condividere le preoccupazioni di Sergio Marini sulla gravità della fase attraversata dall’agricoltura italiana.
Effettivamente, mentre la politica, in generale, a livello globale, sembra non essere più in grado di governare l’economia, la finanza prende il sopravvento su tutto e genera le speculazioni che si registrano attraverso l’estrema volatilità dei prezzi.

VALORIZZARE LA DIMENSIONE RURALE - Per Zannini: «è urgente un’iniziativa del Governo e delle Regioni per convenire su politiche mirate alla valorizzazione della dimensione rurale del nostro tessuto economico e sociale.
L’intero comparto agroalimentare deve guadagnare una nuova, attuale, centralità, sia nelle politiche economiche nazionali, sia in quelle comunitarie.
L’agricoltura italiana ha connotati di qualità e di tipicità inconfondibili non sufficienti però, da soli, a configurare una dimensione adeguata di sviluppo del comparto se non si promuovono, contestualmente, fattori di competitività materiali e immateriali, capaci di connotare da un lato gli elementi di uno sviluppo che vogliamo sostenibile ed ecocompatibile, ma anche, dall’altro, sufficiente a dare sbocchi di occupazione, di reddito e di ricchezza che consolidano insieme tenuta e innovazione del mondo rurale»