6 aprile 2020
Aggiornato 02:00
«Domenica notte partono i giudici che visiteranno centro italia e meridione»

I comuni fioriti non vanno in ferie…

Domani notte partono i giudici che visiteranno i villaggi e le città fiorite del centro-sud Italia

I Comuni Fioriti non vanno in vacanza… e, anzi, le giurie si preparano agli ultimi e importanti tour di visite per valutare l’indice di fioritura delle municipalità che fanno parte del circuito dei villaggi e delle città fiorite d’Italia: ad impegnare i giudici la settimana prossima sarà in particolare il viaggio tra centro e sud Italia che toccherà, fra le altre, le regioni Marche, Abruzzo, Toscana, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia.

«E’ un’estate impegnativa ma entusiasmante, sia per il numero delle municipalità che quest’anno abbiamo accettato di iscrivere al concorso, sia per il calendario davvero fitto di impegni» sottolinea il presidente di Asproflor (Associazione Produttori Florovivaisti) Renzo Marconi.

«Mercoledì scorso i nostri giudici internazionali hanno concluso le visite europee di Entente Florale, che hanno toccato ventidue tra villaggi e città prima della deliberazione finale a Weimar, in Germania, l’11 agosto scorso. Segreto assoluto sui risultati, che non saranno comunicati fino a settembre, ma speriamo in un risultato positivo per l’Italia e, in particolare, per i due Comuni Fioriti candidati a rappresentare la nostra nazione, ovvero il paese di Prè-Saint-Didier (Aosta) e la città di Avigliana (Torino).

Tornando al nostro concorso nazionale, domani notte (16 agosto) partiranno due giudici che percorreranno in lungo e in largo la penisola italiana con la nostra auto ufficiale, toccando una quindicina di tappe per la visita. Nel loro viaggio incontreranno sindaci, valuteranno fioriture e qualità della vita, parleranno con la popolazione: insomma, misureranno il «termometro» di un’Italia che vuole «Fiorire ed accogliere» come recita il nostro motto».

Tutti i partecipanti al concorso nazionale saranno inseriti nella «Guida turistica ai Comuni Fioriti» che costituisce un prezioso strumento di comunicazione ed informazione ai cittadini sulle peculiarità che distinguono le amministrazioni comunali impegnate nella valorizzazione del verde pubblico come strumento di rilancio per il turismo e la vivibilità urbana.

Uno strumento che il presidente Marconi annuncia «ancor più ricco di informazioni il prossimo anno, grazie all’aumentato numero dei Comuni Fioriti iscritti e all’intenzione di voler celebrare con stile il trentennale di Asproflor, che ha ideato e promuove il concorso nazionale.

Dopo quattro anni di rodaggio, il nostro circuito si appresta a crescere in maniera evidente proprio nel 2010: sarà un anno cruciale, insomma, per tutti noi».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal