Venezia | Cronaca

Migranti: dopo le proteste in 12 ricevono la revoca dell'ospitalità a Cona

i migranti non perdono lo status di richiedenti asilo, ma finiscono in fondo alla lista degli aventi diritto all'ospitalità

Migranti
Migranti (ANSA)

VENEZIA - Dodici migranti nigeriani che nelle scorse settimane si erano resi protagonisti di proteste e momenti di tensione nel Cpa di Conetta (frazione del comune veneziano di Cona) si sono visti notificare oggi la revoca al diritto di ospitalità in Italia. Il gruppo ha dovuto così lasciare la ex base militare. Non perdono il permesso di soggiorno per motivi umanitari, e restano comunque richiedenti asilo; ma non potranno più godere del sistema d'ospitalità 'ufficiale'. Le loro domande di asilo, in sostanza, finiranno in fondo all'elenco, e verranno discusse dopo quelle presentate dai migranti ospiti della struttura che invece hanno mostrato una condotta più corretta. I provvedimenti, decisi dalla Prefettura di Venezia, sono stati notificati oggi nell'ambito di un servizio che ha visto impiegato davanti al Cpa un ingente numero di uomini delle forze dell'ordine.