24 gennaio 2019
Aggiornato 00:00
Ultim'ora | Scuola

Sasso (Lega): assunzione docenti miglior risposta a critiche

"Massima attenzione nei confronti della scuola"

Roma, 9 ago. - "Da settembre 67 mila lavoratori della scuola - tra dirigenti scolastici, personale docente ed educativo - potranno finalmente dire addio al precariato: 57mila docenti - 44mila su posto comune, 13 mila sul sostegno - e circa 10mila ausiliari, tecnici ed amministrativi firmeranno il contratto a tempo indeterminato. Esprimo grande soddisfazione. Questi numeri sono la risposta migliore a chi ha accusato questo Governo di voler licenziare i precari della scuola. Avevamo eredito una situazione pazzesca. Abbiamo abolito il comma 131 della legge 107, la cosiddetta 'ammazzaprecari'. Molto presto bandiremo concorsi per i diplomati magistrale che per i laureati in Scienze della formazione. L'attenzione della Lega e del Governo nei confronti del mondo scuola è massima". Così il deputato della Lega Rossano Sasso, componente della Commissione Cultura e Istruzione della Camera.

"Personalmente mi batterò a settembre in commissione Cultura - sottolinea Sasso - affinché vengano abbattute le differenze stipendiali tra personale di ruolo e personale precario. Cercherò di riparare ad anni di maltrattamenti nei confronti della categoria del personale educativo: docenti a tutti gli effetti, ma spesso dimenticati dall'amministrazione. Sarà necessario poi studiare un piano di rientro per tutti gli 'esiliati' della legge 107 vittime del famigerato algoritmo: quasi tutti meridionali, tra questi si stimano circa mille insegnanti pugliesi. Infine, spero che col prossimo anno scolastico venga difesa e restituita la dignità a tutti gli insegnanti. Innanzitutto punendo severamente tutti gli aggressori dei professori, siano essi studenti che genitori: ho intenzione di far considerare come circostanza aggravante il fatto di picchiare o molestare un insegnante a scuola, alla stessa stregua del ddl sulle violenze agli operatori sanitari".