26 settembre 2018
Aggiornato 02:30
Ultim'ora | Migranti

Salvini vede Seehofer:cambiare missioni Ue, asse italo-tedesco -2-

"Da Germania sostegno su risorse e suddivisione migranti"

Innsbruck, 11 lug. - Salvini assicura che dunque dalla Germania arriverà il sostegno alla richiesta italiana di rivedere le regole di ingaggio delle missioni europee che operano nel Mediterraneo, alla richiesta di un sostegno finanziario da parte della Ue sui costi della prima accoglienza, e anche alla richiesta che "tutti gli accordi che la Ue stipulerà con Paesi africani dovranno prevedere anche accordi di rimpatrio degli immigrati espulsi".

L'obiettivo è "controllare di più le frontiere esterne" e a quel punto si può discutere dei "movimenti secondari", ovvero del rientro nel Paese di primo approdo - molto spesso l'Italia - di quei migranti che poi si sono spostati in altri Paesi europei, richiesta posta proprio da Seehofer: "A me interessa che il saldo sia positivo", ha detto Salvini, aggiungendo: "Se questo porterà anche a un solo migrante in meno in Italia, sarà positivo".

A chi faceva notare che però per cambiare le regole d'ingaggio delle missioni Ue serve l'unanimità e non basta il sostegno della sola Germania, Salvini ha replicato: "Voglio vederlo quello che dirà di no...", aggiungendo che una riunione del Comitato politico di Sicurezza ci sarà già a luglio, prima del COnsiglio Ue di settembre, e lì si inizierà a porre il tema del cambio delle regole dele missioni. E sempre a luglio dovrebbe tenersi un altro bilaterale con Seehofer: "L'ho invitato a Milano".

Già oggi, Salvini parla di un "percorso positivo" che "si è avviato" con la Germania: "Un percorso di collaborazione tra i governi e i popoli per avere più sicurezza e meno migranti in entrambi i Paesi".