22 ottobre 2018
Aggiornato 00:30
Ultim'ora | Titoli Stato

Su Btp Italia istituzionali tiepidi, domanda si ferma a 3,6 mld

L'importo complessivo emesso ammonta a 7,7 miliardi
(© Askanews)

Roma, 17 mag. - La seconda fase del collocamento della 13esima emissione di Btp Italia, dedicata agli investitori istituzionali, si è chiusa con 286 proposte di adesione per un controvalore emesso pari a 3,652 mliardi di euro. L'ammontare, comunicato dal ministero dell'Economia con una nota, appare ridotto a quasi un terzo (-66,57%) rispetto al precedente collocamento, risalente al novembre scorso quando la domanda da parte degli istituzionali aveva toccato 10,8 miliardi di euro.

Questo collocamento è caduto in una fase molto particolare: nel pieno delle trattative per la formazione di un nuovo governo in targato M5S-Lega, e proprio mentre sono trapelati punti della bozza del contratto di governo tra cui quella particolarmente controversa, sull'ipotesi, poi non adottata, di chiedere alla Bce di "condonare" l'equivalente di 250 miliardi di euro, dai titoli di Stato italiani acquistati con il Qe. Ipotesi che hanno innescato forte volatilità sui mercati e bruschi aumenti degli spread Btp-Bund.

Il titolo in collocamento è indicizzato all`inflazione italiana (al netto dei tabacchi), con scadenza a 8 anni. Per il nuovo titolo, che ha godimento 21 maggio 2018 e scadenza 21 maggio 2026, è stato fissato il tasso cedolare (reale) annuo definitivo, pari a 0,55%, pagato in due cedole semestrali. Il regolamento dell`operazione si terrà lo stesso giorno del godimento del titolo.

L`importo emesso è stato pari a 7.709,235 milioni di euro e coincide con il controvalore complessivo dei contratti di acquisto validamente conclusi alla pari sul Mot (il Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato di Borsa Italiana) attraverso Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. e UniCredit S.p.A. durante il periodo di collocamento, che è iniziato il giorno 14 maggio 2018 e si è concluso alle ore 11 della giornata odierna.

Nella prima fase del collocamento (dedicata a investitori individuali e affini), dal 14 al 16 maggio 2018, erano stati conclusi 62.728 contratti per un controvalore pari a 4.056,711 milioni di euro. Con successivo comunicato, conclude la nota, che sarà diramato nella giornata del 18 maggio 2018, verranno fornite indicazioni qualitative circa le caratteristiche della domanda, distinguendo le due fasi del periodo di collocamento.