Ultim'ora | Gran Bretagna

Caso Skripal, Londra: agente nervino usato in forma liquida

Ministero dell'Ambiente: utilizzata dose minima

Roma, 17 apr. - La sostanza usata per avvelenare l'ex spia russa Sergey Skripal a Salisbury è effettivamente l'agente nervino Novichok - sviluppato dall'Urss - ma è stata usata in forma liquida. Lo ha rivelato oggi il ministero dell'Ambiente, dell'Alimentazione e degli Affari rurali britannico, come riportano i media britannici. Il dicastero ha precisato che si è trattato di una "dose minima" della sostanza tossica e che la concentrazione maggiore è stata rinvenuta nell'abitazione dell'ex doppio agente.

Le autorità britanniche hanno avviato questa mattina un'operazione di bonifica a Salisbury, la città in cui sono stati avvelenati Skripal e la figlia Yulia. Il ministero dell'Ambiente, che è responsabile della bonifica, ha fatto sapere che il cimitero di di Salisbury, dove sono sepolti la moglie e il figlio di Skripal, è già stato riaperto questa mattina. Altri nove siti, tra cui un pub e un ristorante che gli Skripal hanno visitato poco prima di accusare i sintomi da avvelenamento, restano al momento chiusi.