Ultim'ora | Tim

Tim, Vivendi: il fondo Elliott punta a smantellare gruppo -2-

Serve management forte, De Puyfontaine non sarà p. esecutivo

Roma, 17 apr. - Telecom Italia è un "asset strategico che svolge un ruolo fondamentale nelle infrastrutture delle telecomunicazioni e dell`informazione in Italia e in Europa in generale". Per far fronte a queste sfide, Telecom Italia ha bisogno di "un management forte, in grado di attingere alle migliori competenze tecniche disponibili, skills di settore ed esperienze, di un piano strategico chiaro per il business, di solidità finanziaria e del sostegno di un consiglio di amministrazione coeso. Guidato da un azionista di riferimento dotato di una visione industriale di lungo periodo e di un impegno forte, il management può concentrarsi sulla realizzazione di tale strategia".

"Riteniamo che Vivendi abbia dimostrato il proprio impegno - continua la nota del gruppo francese - e sia stata un positivo catalizzatore di cambiamento. Grazie all` intervento e al supporto di Vivendi, Telecom Italia ha potuto contare su un consiglio di amministrazione esperto e un management estremamente capace e dinamico, guidati dal CEO Amos Genish, che stanno già implementando la proposta strategia triennale di sviluppo".

"Abbiamo proposto una lista di candidati per il consiglio di amministrazione che sostiene pienamente il management e il suo approccio. Il primo nome sulla lista è quello di Amos Genish, che ha instaurato un ottimo rapporto di lavoro sia con il consiglio di amministrazione sia con Vivendi, in qualità di principale azionista. La lista, inoltre, include coloro che sono stati coinvolti a tempo pieno nella messa a punto della strategia e nel garantire ad Amos Genish le risorse e il team necessari per portare a buon fine il piano".

"Durante la stesura della lista, abbiamo ascoltato con attenzione i suggerimenti che provenivano dall`esterno, nominando due consiglieri indipendenti di grande standing. Arnaud de Puyfontaine non sarà presidente esecutivo ma solo presidente non esecutivo, assicurando all`attuale CEO tutto lo spazio di manovra necessario per esercitare efficacemente il proprio ruolo".