Ultim'ora | Governo

Gentiloni: non so se sarò io, ma governo investa in sanità

"Siamo orgogliosi di appartenere al modello europeo"

Roma, 16 apr. - Difenmdere la sanità "aperta a tutti", dando "continuità al corpo al corpo col bilancio pubblico. Lo abbiamo fatto in questi anni, e lo sforzo deve proseguire: non so se sarò io ma qualcuno lo proseguirà e noi ci batteremo per trasmettere questo messaggio". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, intervenendo al centro di riferimento oncologico di Aviano, in provincia di Pordenone.

"Ci sono tante cose di cui il Paese può menare vanto. Vi assicuro, avendo avuto l'onore di fare il premier ma anche il ministro degli Esteri, che l'Italia è un Paese che dal punto di vista delle strutture sanitarie e della ricerca è apprezzato e addirittura ammirato. Dobbiamo tenere questa bandiera alta, per farlo bisogna l'insieme del nostro sistema sanitario. Siamo europei e apparteniamo al modello europeo e uno dei punti di questo modello europeo è che la sanità si riovoge a tutti. E dobbiamo orgogliosamente rivendicare ciò che qui è visibile", ovvero che "la ricerca si accompagna con l'attività clinica".