Ultim'ora | Siria

Siria,Tavola pace:urge nuovo movimento pacifista.Mondo in... -2-

"La notte del bombardamento su Damasco qualcuno ha brindato"

Roma, 16 apr. - "La notte in cui la Siria è stata colpita dai missili americani, inglesi e francesi - ha denunciato Lotti- alcuni hanno brindato. Molti altri hanno avuto paura. Le guerre che si stanno combattendo in Siria e in Medio Oriente minacciano di estendersi e di gettare il mondo nel caos più profondo.Il giorno dopo molti minimizzano: "E' stato solo un atto dimostrativo. Così la guerra e gli orrori possono continuare e noi possiamo ritornare ad occuparci delle nostre faccende quotidiane. Eppure così ci stiamo giocando quel che resta della pace. Missile dopo missile, bomba dopo bomba, ritorsione dopo ritorsione si degradano le relazioni internazionali, si riducono gli spazi e gli strumenti di iniziativa, si rafforzano i signori della guerra, si moltiplicano i lutti e le sofferenze".

"Chi guarda in faccia questa realtà - ha detto ancora- viene chiamato "pacifista", ma è solo un altro modo per silenziare ogni voce responsabile.Il mondo è in guerra ma noi ci lasciamo cullare dall'illusione della pace. Non abbiamo più fiducia in niente e nessuno, ma confidiamo che "qualcuno" ci possa tenere lontano dall'inferno. Non crediamo nella pace, ma pensiamo di poterne godere i frutti per sempre. Ripudiamo la guerra ma restiamo sempre disposti a farla. Per questo continuiamo a spendere moltissimo per la guerra e quasi niente per la pace. Vogliamo la pace ma... solo per noi stessi. La vogliamo a tutti i costi. Per questo siamo disponibili anche a fare la guerra. Meglio, per la verità, se qualcuno la fa al posto nostro, senza coinvolgerci direttamente, senza rovinare la nostra immagine di persone perbene, educate, civili, rispettose..."

"Eppure - ha concluso Lotti- così non funziona. Il mondo è sempre più interconnesso e interdipendente. Lo sono le nostre vite, le nostre economie, i nostri ambienti. Nel bene e nel male. Non abbiamo alcuna possibilità di sfuggire alle conseguenze delle nostre decisioni".