Ultim'ora | Governo

Meloni a Vinitaly: governo autorevole sì, governo di inciucio no

Per nuovo governo si deve partire dal centrodestra, aiuteremo Mattarella

(© Askanews)

Verona, 15 apr. - "Un governo davvero autorevole non è mai governo di inciucio. In Italia di governi di inciucio ne abbiamo avuti diversi: del presidente e di responsabilità nazionale e sono stati quei governi che hanno messo in ginocchio l'Italia sul piano interno e interenazionale. Escludo quindi caterogiamente che possa essere questa la soluzione per tirare fuori Italia dalle secche. Noi chiediamo e lavoriamo per governo autorevole guidato dal centrodestra che sia il più aderente possibile alla volontà popolare che si è espressa chiaramente il 4 marzo. Ora aspettiamo a vedere che cosa dice il presidente della Mattarella e noi lavoreremo in quella traccia. Mi rendo conto e sono consapevole della sua difficoltà a trovare queSta quadratura del cerchio. Noi per parte nostra gli dfaremo una mano. Ora la soluzione va trovata. Lo impone la situazione internazionale ma soprattutto la gente non può poù aspettare e non capisce altre nostre manfrine". Lo ha dichiarato la presidente Fdi Giorgia Meloni, incontrando i giornalisti a margine della visita a Verona al Vinitaly 2018.

"Per il nuovo Governo non si può - ha sottolineato Meloni, rispondendo sul governo autorevole per la mediazione in Siria proposto da Silvio Bereluconi, delle tensioni nel centrodestra e con M5s- non partire dal centrodestra, lo chiede il rispetto delle elezioni. Altri partiti - non noi che avremmo voluto un premio di governabilità con una legge magguioritaria e l'elezione diretta - hanno voluto una nuova legge elettorale proporzionale. E nel proporzionale vince e fa il governo chi prende poù voti: il centrodestra".

"Non possiamo negare - ha detto ancora la leader Fdi sulle tensioni nella sua coaliazione e con i Cinque Stelle- che negli ultimi giorni ci sono state incomprensioni e cose fuori posto. Ora almeno nel centrodestra il clima direi che è sereno variabile. Noi abbiamo firmato un programma comune e preso un impegno con gli italiani a governare insieme e credo questo prevarrà. Chissà che anche il vino non ci dia una nmano a trovare soluzion e far cadere veti di troppo e rigidità eccessiva. Speriamo che per fare decantare basti poco: spero sia in gestazione un vino bianco che non ha bisogno di lunga decantazione. Certo non credo che sarà oggi che si risolva la situazione ma ora c'è la necessità di arrivare a soluzione" e "io sto lavorando a una soluzione che dura". Possibile dunque già a Vinitaly un "patto dell'Amarone" ? "L'Amarone - ha risposto Meloni- è un vino importante e significativo che richiede delicata e attenta preparazione. Magatri ci arriviamo al pomeriggio. Ma non c'è problema: possiamo anche vederci a Roma...".