24 settembre 2018
Aggiornato 15:10
Ultim'ora | Siria

Johnson: raid su Siria non mirano a cambiamento di regime

Ministro Esteri Gb: solo deterrente contro attacchi chimici
(© Askanews)

Roma, 15 apr. - Le incursioni aeree sulla Siria sono state un modo per dire "quando è troppo è troppo": lo ha dichiarato il Ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, intervistato dalla Bbc.

Johnson ha sottolineato come l'iniziativa militare - sostenuta anche da Stati Uniti e Francia - non avrebbe "cambiato il corso del conflitto" né portato a un cambiamento di regime a Damasco, ma il suo obbiettivo era solo quello di fare da deterrente per altri "barbari" attacchi chimici.

Il titolare del Foreign Office ha infine concluso di non sapere se e in che modo il regime del presidente siriano Bashar al-Assad reagirà all'azione militare, me se dovessero esservi altri attacchi chimici "chiaramente studieremo con gli alleati quali saranno le opzioni".